Programma di prevenzione «I giovani e la violenza»

Dopo aver analizzato le cause della violenza giovanile nel pertinente rapporto del 2009, il Consiglio federale ha in seguito avviato, in collaborazione con i Cantoni, le Città e i Comuni, il programma di prevenzione Giovani e la violenza.

 

Rapporto del Consiglio federale «Giovani e violenza» (2015)

 

Scheda informativa «Protezione dei dati per gli attori nell'ambito della violenza giovanile»

 

Scheda informativa «Il programma Giovani e violenza» (in francese / in tedesco)

 

Scheda informativa «Prevenzione della violenza giovanile: definizioni»

 

Rapporto del Consiglio federale «I giovani e la violenza», (2009)

 

Rapporto peritale «Prevenzione della violenza giovanile» (Eisner et al, 2009, in tedesco con riassunto in italiano)

 
 
 

Ogni singolo atto di violenza giovanile può avere gravi conseguenze

L’opinione pubblica è regolarmente confrontata con episodi di violenza giovanile. Oggetto di dibattito non sono soltanto le dimensioni, l’evoluzione e le cause del fenomeno, ma anche i provvedimenti più adeguati a prevenirlo e combatterlo.

 

Se gli esperti non concordano sulle dimensioni e l’evoluzione della violenza giovanile nel nostro Paese, è però opinione unanimemente condivisa che gli atti di violenza imputabili ai giovani siano opera di una piccola minoranza. Per quanto circoscritti, gli atti di violenza hanno tuttavia gravi conseguenze per le vittime, la società nel suo complesso e anche per gli auto

 
 
 

Molte le cause – Prevenzione differenziata

La violenza non ha una sola causa, ma è il risultato di una complessa interazione tra numerose concause di diversa origine. Ecco perché anche la prevenzione deve agire a più livelli e concentrarsi su tre campi principali: la famiglia e la prima infanzia, la scuola e la formazione professionale e lo spazio sociale, cioè il vicinato e lo spazio pubblico.